Uno dei tesori del Basso Piemonte è sicuramente l’ Area archeologica di Libarna, lungo l’asse viario che collega Serravalle Scrivia e Arquata Scrivia, lungo la strada (ex S.S. 35 dei Giovi) in direzione Genova.

Libarna, l’antica città dei romani, era una città ricca e densamente abitata, perderà di importanza parallelamente al declino della via Postumia, in età tardo-antica ed altomedievale, sino a scomparire.

La riscoperta dell’antica Libarna avvenne nel corso del XIX secolo in occasione dei lavori di scavo per la costruzione della Strada Regia dei Giovi (1820-1823) ed in seguito della ferrovia Torino – Genova (1846-1854). Le indagini archeologiche hanno in seguito riportato in luce resti di edifici pubblici e di abitazioni, grazie ai quali è stato possibile ricostruire l’assetto urbano del sito.

L’attuale area archeologica rappresenta una minima parte dell’antica città, che occupava una superficie molto più estesa. Sono visibili i resti di due isolati di abitazioni, posti ai lati del decumano massimo ed incorniciati dai decumani e cardini minori. Gli isolati si suddividono in abitazioni, la cui costruzione è databile intorno alla fine del I secolo a.C. con rimaneggiamenti nei secoli successivi.  Di notevole interesse è la pavimentazione a mosaico di grandi dimensioni di una domus, rappresenta il mito di Licurgo.
Da non perdere l’anfiteatro, che in  base a calcoli volumetrici ottenibili dalla misura delle fondazioni, è stato ipotizzato che potesse ospitare circa 7000 spettatori e il teatro, anch’esso databile intorno al I secolo d.C., è maggiormente conservato, secondo le ipotesi ricostruttive il teatro poteva contenere circa 3800 spettatori.

L’Area archeologica di Libarna nel periodo delle feste natalizie è visitabile nei giorni feriali ossia: 27, 28, 29 dicembre e 2, 3, 4 e 5 gennaio dalle ore 9.00 alle 15.45 (in tutti i giorni festivi dal 24 Dicembre 2018 al 6 Gennaio 2019 sarà chiusa): potrete fare un viaggio tra usi e costumi degli antichi romani guidati dagli archeologi mentre passeggerete tra teatro, anfiteatro, le tracce delle domus di Libarna.

I reperti archeologici provenienti dagli scavi di Libarna sono in parte conservati presso il Museo Antichità Di Torino, il Museo di Archeologia Ligure di  Genova Pegli e alcuni sono custoditi nel Comune Serravalle Scrivia e precisamente nella Sala Espositiva al piano terreno del Palazzo Municipale, in via Berthoud 49, visitabili in orario apertura degli uffici comunali o su prenotazione. 

Info Area Archeologica di Libarna – via Arquata 63, frazione Libarna Tel: 0143 633420

Foto by Giovanni Uras