Quando visitare l’area archeologica di Libarna

Uno dei tesori del Basso Piemonte è sicuramente l’ Area archeologica di Libarna, lungo l’asse viario che collega Serravalle Scrivia e Arquata Scrivia, (strada ex S.S. 35 dei Giovi) in direzione Genova.

Libarna, l’antica città dei romani, era una città ricca e densamente abitata, perderà di importanza parallelamente al declino della via Postumia, in età tardo-antica ed altomedievale, sino a scomparire.

La riscoperta dell’antica Libarna avvenne nel corso del XIX secolo in occasione dei lavori di scavo per la costruzione della Strada Regia dei Giovi (1820-1823) ed in seguito della ferrovia Torino – Genova (1846-1854). Le indagini archeologiche hanno in seguito riportato in luce resti di edifici pubblici e di abitazioni, grazie ai quali è stato possibile ricostruire l’assetto urbano del sito.

Cosa Vedere

L’attuale area archeologica rappresenta una minima parte dell’antica città, che occupava una superficie molto più estesa. Sono visibili i resti di due isolati di abitazioni, posti ai lati del decumano massimo ed incorniciati dai decumani e cardini minori. Gli isolati si suddividono in abitazioni, la cui costruzione è databile intorno alla fine del I secolo a.C. con rimaneggiamenti nei secoli successivi.  Di notevole interesse è la pavimentazione a mosaico di grandi dimensioni di una domus, rappresenta il mito di Licurgo.

Da non perdere l’anfiteatro, che in  base a calcoli volumetrici ottenibili dalla misura delle fondazioni, è stato ipotizzato che potesse ospitare circa 7000 spettatori e il teatro, anch’esso databile intorno al I secolo d.C., è maggiormente conservato, secondo le ipotesi ricostruttive il teatro poteva contenere circa 3800 spettatori.

Potrete fare un viaggio tra usi e costumi degli antichi romani guidati dagli archeologi mentre passeggerete tra teatro, anfiteatro, le tracce delle domus di Libarna.

I reperti archeologici provenienti dagli scavi di Libarna sono in parte conservati presso il Museo Antichità Di Torino, il Museo di Archeologia Ligure di  Genova Pegli e alcuni sono custoditi nel Comune Serravalle Scrivia e precisamente nella Sala Espositiva al piano terreno del Palazzo Municipale, in via Berthoud 49, visitabili in orario apertura degli uffici comunali o su prenotazione.

Eventi a Libarna

Sabato 4 settembre 2021, nell’Area archeologica di Libarna, si terrà la presentazione del progetto “Passito di Libarna”, un’iniziativa inedita nel panorama vitivinicolo di questa area del Piemonte che spicca per la produzione di grandi vini bianchi come il Gavi Docg e il Derthona Timorasso.

A partire dalle ore 11.30 e a cadenza programmata (ore 11.30, 12.00 e 14.00), si svolgeranno visite guidate a tema a cura del personale della Soprintendenza.

Nel pomeriggio, dalle ore 15.00, è prevista una conferenza sull’archeologia del vino e la presentazione del passito Acinaticum.

Aperture di Libarna, orari e informazioni

L’Area archeologica di Libarna è visitabile secondo il calendario pubblicato qui

Orario di Visita dalle  9 alle 15.45 (ultimo ingresso 15.15). Ingresso Gratuito.

Informazioni e prenotazioni (per scuole e gruppi prenotazione obbligatoria) telefonando allo 0143/633420 o scrivendo una mail a sabap-al.arealibarna@beniculturali.it

Area Archeologica di Libarna – via Arquata 63, frazione Libarna

Foto by Giovanni Uras


Per scoprire il territorio del basso Piemonte, suggeriamo di scaricare gratuitamente la app del Distretto del Novese  Visit Distretto del Novese

Articoli correlati

Aperture al Forte di Gavi

Aperture al Forte di Gavi

La storia del Forte di Gavi si articola su vari periodi, la struttura originaria edificata poco...

Il Distretto del Novese

Raccontiamo il territorio, che si estende nella parte sud-orientale del Piemonte, in Provincia di Alessandria, in tutte le sue declinazioni: arte, enogastronomia, eventi, percorsi, tradizioni e curiosità.

Scoprirete con noi il bello e il buono del Novese, Val Borbera e Alto Monferrato! 🙂

Iscriviti alla nostra newsletter

error: Questo contenuto è protetto

Pin It on Pinterest

Share This