La Fiera di San Bartolomeo ha origini antiche di almeno cinque secoli, è infatti citata su un’apposita rubrica dello “Statuto Arquatese del 1496”: La “Rubrica de nundinis; sive de feriis fiendis”, ed è sempre stata legata al tema dell’agricoltura e dell’allevamento, elementi chiave per un territorio che sorge tra pianura e Appennino. La cipolla è l’alimento simbolo dell’evento poiché essa viene raccolta proprio in questo periodo dell’anno e già gli antichi contadini locali e delle zone limitrofe si ritrovavano durante la festa di San Bartolomeo nella piazza e nelle vie di Arquata per scambiare, acquistare e vendere i loro prodotti, tra i quali ovviamente spiccava la cipolla.

Sabato 24 agosto appuntamento ad Arquata Scrivia per la tradizionale Fiera di San Bartolomeo, diventata nei secoli Fiera della Cipolla, uno degli ortaggi più antichi fra quelli consumati dall’uomo, dalle 16 alle 23 banchetti e degustazioni a tema