Alla scoperta della chiesetta di Santo Stefano e dei  volti scolpiti nel muro di pietra

Si parte da una frazione di Borghetto Borbera, in Val Borbera, dove si lascia l’auto, e precisamente dopo Liveto, circa 200 metri prima della frazione di Cerreto Ratti si posteggia l’auto. Il percorso inizia da una stradina sterrata sulla destra che per un breve tratto è fiancheggiata da campi coltivati e poi sale in un bosco fino a giungere ad un bivio. (sentiero panoramico!)

A questo punto bisogna svoltare a destra e in pochissimo si raggiungerà la bella chiesetta di Santo Stefano da osservare i volti scolpiti nel muro della chiesetta. 

A tale proposito si racconta che in tempi antichi, al di la del Borbera, di fronte a Vignole, ci fosse edificata una chiesa dedicata a San Lorenzo. Nel tempo fu abbandonata  e i ruderi di quella chiesa per ordine di un vescovo furono usati per costruire la chiesetta di Santo Stefano. A conferma di cio’  potrebbe essere la pietra lavorata, posta su un lato della costituzione, che sembra proprio rappresenti un San Lorenzo. Si ringrazia la Sig.ra Mariarosa Mosso di Rocchetta Ligure e ad Andrea Scotto per l’aiuto.

In alto a sinistra le due teste con molta probabilità erano mensoline che sostenevano archi prensili, tipici del Romanico (es. la facciata di S.Giacomo a Gavi). In basso a destra una una scultura che con molta probabilità rappresenta San Lorenzo disteso


Un percorso di circa 30 minuti con una lunghezza di 1 Km circa.