Oggi, 16 agosto, si festeggia San Rocco, sono diversi i paesi d’Italia e del Mondo che lo festeggiano come Novi Ligure e Tassarolo.

A Novi Ligure, oltre alla S. Messa delle 21.00 e  consueta processione serale a seguire, in via Ovada dalle 18.00 alle 24.00 saranno allestite bancarelle per l’esposizione di artisti e hobbisti.
Per l’occasione apertura straordinaria notturna del Museo dei Campionissimi, al costo di 2 euro a persona, dalle 20.00 alle 23.00 e alle 22.00 nel piazzale davanti al Museo esposizione di macchine d’epoca, a cura dell’associazione Novinterzapagina.

A Tassarolo  questa sera appuntamento goloso con a partire dalle 19.00 con la 38° sagra di San Rocco che vedrà protagonista il Superagnolotto.

Ma chi era San Rocco?
Le fonti su San Rocco sono poco precise e rese più oscure dalla leggenda che narra di un pellegrinaggio diretto a Roma, il quale dopo aver donato tutti sui beni ai poveri, si sarebbe fermato a ad Acquapendente, dedicandosi all’assistenza degli ammalati di peste e facendo guarigioni miracolose che diffusero la sua fama. Peregrinando per l’Italia centrale si dedicò ad opere di carità e di assistenza promuovendo continue conversione. Sarebbe morto in prigione, dopo essere stato arrestato presso Angera da alcuni soldati perché, sospettato di spionaggio. Invocato nelle campagne contro le malattie del bestiame e le catastrofi naturali, il suo culto si diffuse straordinariamente nell’Italia del Nord, legato in particolare al suo ruolo di protettore contro la peste.
Morì a Voghera nella notte tra il 15 e il 16 agosto in un anno tra 1376/1379.


Nella foto la chiesa dedicata a San Rocco a Novi Ligure