In occasione della mostra temporanea “I Boxilio una famiglia di pittori tortonesi tra ‘400 e ‘500” l’Ufficio Beni Culturali della Diocesi di Tortona, grazie alla disponibilità dei parroci ed alla collaborazione con le associazioni di volontariato diocesano, impegnate nella valorizzazione dei beni culturali ecclesiastici, propone un itinerario sul territorio alla scoperta dei luoghi del sacro.

La pieve di Santa Maria a Novi Ligure, l’abbazia di Santa Maria a Rivalta Scrivia, la Pieve di San Pietro a Volpedo, la Chiesa di Santa Maria a Pontecurone, la Sala Capitolare della Collegiata di San Giovanni a Casei Gerola, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo ed il Castello di Castelnuovo Scrivia, oltre alla mostra temporanea a Tortona  sono le tappe di questo itinerario alla scoperta dei Boxilio.

Nella giornata del 10 marzo, dalle 15 alle 17,30, le chiese tappa saranno aperte dai volontari, con possibilità di visite guidate gratuite.

Nelle stesse date il Museo Diocesano proporrà visite guidate incentrate sui Boxilio e sulle altre opere del Museo databili allo stesso periodo, con inizio alle ore 17,30 (prenotazione consigliata entro le ore 12 del venerdì precedente la visita. Visita a pagamento. Posti limitati!).

La bottega dei Boxilio, a conduzione familiare, fu attiva in un’area geografica di cerniera tra Piemonte e Lombardia dalla seconda metà del XV secolo agli inizi del successivo: in questa fiorente bottega operarono due fratelli, Manfredino e Beltramo, e nella stessa si formarono i loro rispettivi figli, Franceschino e Giovanni Quirico.

A Novi Ligure la tappa dell’itinerario sarà alla scoperta della Pieve edificata tra il XII e il XIII secolo, alle origini dell’insediamento che condusse alla nascita del borgo. Ampiamente rimaneggiata nel 1678, conserva l’impianto originario a tre navate e in particolare la tessitura muraria delle tre absidi in mattoni e arenaria bianca. All’interno, l’abside sinistra presenta un affresco di notevole importanza datato 1474 e firmato da Manfredino Boxilio. In esso sono raffigurati la committente Oriana di Campofregoso,signora di Novi, Sant’Anna che tiene in braccio la Vergine col Bambino, San Giovanni Battista e Santa Margherita.

Domenica 10 marzo, dalle 15 alle 17.30 (inizio ultima visita: ore 17.00), le volontarie di Una firma per S. Andrea – luogo del cuore FAI 2018 racconteranno proprio la storia dell’affresco commissionato dalla nobile Oriana di Campofregoso al pittore Manfredino Boxilio (o Bosilio).

Per info e prenotazioni contattare l’Ufficio Beni Culturali dal lunedì al venerdì mattina allo 0131.816609 oppure via mail scrivendo a beniculturali@diocesitortona.it.