01/04/2018

La storia delle uova di Cioccolato

Ogni festività ha il suo dolce e il protagonista della Pasqua è sicuramente l'uovo di Cioccolato che affonda le sue origini tra il XVIII e il XIX secolo.

Le prime sperimentazioni si hanno alla corte di Francia di Luigi XIV dove il cioccolato era solo la copertura dell’uovo vero.

Nel 1725, in Italia, a Torino, nella vetrina della bottega della vedova Giambone, ubicata in Contrada Nuova (oggi via Roma), compaiono le prime uova pasquali. Sugli esperimenti fatti alla corte francese, la signora torinese riempì alcuni gusci vuoti con del cioccolato liquido e li espose in vetrina insieme a una gallina vera, suscitando il divertimento e la curiosità dei passanti.

I primi esemplari di uova interamente di cioccolato compaiono nel XIX secolo in Germania e Francia, ma solo grazie alle invenzio del padre del cioccolato moderno, l´olandese Coenraad van Houten,  i maestri cioccolatieri iniziarono a modellare facilmente la massa di cacao.

Se l’uovo vuoto all’interno, con o senza sorpresa, è invenzione inglese di fine '800, da parte mastro cioccolatiere inglese John Cadbury, una piccola ditta torinese degli anni Venti del Novecento, la Casa Sartorio, brevetta lo stampo a cerniera che renderà più agevole la produzione delle uova, favorendone la diffusione.

L’introduzione della sorpresa avviene già nel 1925, dapprima animaletti in zucchero o confetti, poi regali sempre più costosi epreziosi. Già nel 1927 le uova di Pasqua di cioccolato a Torino erano di gran moda, e da allora il loro successo non si è più fermato.

uova di cioccolato

Newsletter

Per iscriverti alla nostra newsletter sufficiente inserire la tua email nel campo sottostante.

itinerari